| 17 Giugno 2019|Giornalismo|0 Commenti
, |

Che cos’è oggi la criminalità e quante facce può avere? Rispondere a questa domanda non è semplice ma
Roma H24 e la Libreria Eli hanno scelto di farlo attraverso la letteratura di oggi, quella che indagando anche
nella grande cronaca riesce spesso a rivelare aspetti inediti di un fenomeno molto complesso.
“Criminali autentici e dove trovarli” è il titolo della serie di incontri con gli autori che Roma H24 e la Libreria Eli
organizzano a partire dal 25 giugno (sempre alle ore 21) per terminare a fine luglio, martedì 30, nei locali di
viale Somalia 50, dove Marcello Ciccaglioni – già inventore delle librerie Arion – ha avviato e fatto decollare il
suo progetto culturale: la Eli è infatti una libreria polifunzionale, dove oltre ad acquistare libri ci si incontra per
discutere dei temi più svariati, si ascolta buona musica, si conoscono nuove realtà di un mondo in grande
trasformazione.
Il sottotitolo della serie di interviste è indicativo: Incontri con gli autori che indagano, raccontano (e cercano
anticorpi). E gli ospiti sono tutti autori di eccezione: si comincia il 25 giugno con Attilio Bolzoni, giornalista di
Repubblica, e il suo “Il padrino della mafia” (Zolfo editore), storia vera ed emblematica della vischiosità mafiosa;
si prosegue il 4 luglio con Paolo Bonacini, giornalista emiliano, con “Le cento storie di Aemilia, il più grande
processo alla ’ndrangheta” (Editrice Socialmente), che svela le trame incredibilmente forti e pericolose della
criminalità calabrese tra Reggio Emilia e le altre città della regione (e non solo).
L’11 luglio è sul palco Floriana Bulfon, giornalista d’inchiesta dell’Espresso e della Rai, con una storia tutta
romana: “Casamonica, la storia segreta. La violenta ascesa della famiglia criminale che ha invaso Roma”
(Editore Bur), mentre il 18 luglio è la volta di Simona Dolce con il suo “La battaglia delle bambine. Insieme
contro la mafia” (Mondadori), storia di cinque ragazzine palermitane che si alleano contro una banda di ragazzi
che le ha prese di mira. Libro per bambini ma che darà grandi emozioni anche a molti adulti.
Penultimo incontro con gli imperdibili Massimo Lugli e Antonio Del Greco, autori di “Quelli cattivi” (Newton
Compton editori), romanzo che prende spunto da un fatto realmente accaduto a Roma e racconta gli intrecci tra
criminalità ed eversione nera. A chiudere la serie di incontri Fabrizio Peronaci, giornalista del Corriere della
Sera e noto giornalista d’inchiesta, che il 30 luglio parlerà del suo “Il figlio della colpa” (Bertoni editore), thriller
nello scenario del clero romano dove verità e finzione sono strettamente intrecciati.
Le interviste agli autori saranno condotte dal direttore di Roma H24 Luigi Carletti e da altri giornalisti che
collaborano con la testata e che si alterneranno nelle varie serate alla Libreria Eli.

di filippo