“Il robot si sedette alla vecchia macchina da scrivere e fece un sogno. Lui non sapeva di poter sognare ma quando, alla fine di quel sogno, cominciò a battere rumorosamente sui tasti, si accorse che oltre alla sua straordinaria Intelligenza Artificiale esisteva qualcosa di ancor più straordinario. Qualcosa di inaspettato e misterioso. Il cyber-vocabolario interno gli suggerì prontamente dei sostantivi: fantasia, poi creatività, poi immaginazione, passione e altri ancora. Ma il robot era così felice che non ne scelse neanche uno. Semplicemente, continuò a battere su quei tasti. Senza fermarsi. Oggi è ancora lì, seduto alla macchina da scrivere. E’ uno di noi, e gli vogliamo tutti molto bene.“

La nostra Filosofia

TYPIMEDIA
COMMUNICATION

TYPIMEDIA
EDITORE

Vuoi saperne di più sui nostri servizi e progetti?

CONTATTACI